Vapor

Il deserto di Max è in bianco e nero

Nicodemo si è stancato della banalità del mondo e della stupidità della società moderna. Senza equipaggio si è trasferito a vivere nel deserto, dove ha intenzione di ritrovare se stesso e dimenticarsi delle futili ossessioni del mondo contemporaneo. Sotto il sole rovente di un enigmatico deserto, Nicodemo (Nick per gli amici) vivrà strane avventure e conoscerà personaggi strani e peculiari.

Max
L’ultimo lavoro di Max, l’illustratore che si chiamava Francesc Capdevila, è una mordace satira sulla continua ricerca metafisica del senso della vita. Nicodemo non è altro che ognuno di noi che un giorno decide, veramente, di partire e abbandonare tutto (quante volte lo avete pensato?) e si ritira, quale moderno anacoreta, in un deserto dalle rare forme.

Il creatore del poco ricordato Clam (la ‘simpatica’ mascotte del centenario blaugrana) e del multi premiato Bardìn, el Superrealista è una autentica rockstar del fumetto underground iberico, che sin dagli anni settanta ci diverte e ci fa riflettere con le sue storie mai banali e sempre di una bellezza grafica fuori dal comune.

Con questo Vapor torna a stupirci. Una metafora in bianco e nero che scorre veloce come la sabbia del deserto tra le mani e che ci offre la possibilità di vivisezionare la cultura delle distrazioni e la quasi impossibile capacità di distaccarsi da essa.

Max

Il gatto Mosh, la gazza ladra Juanita e il gigante di ghiaccio sono alcuni degli indimenticabili personaggi che popolano il mondo di Vapor e accompagnano a Nick attraverso il suo viaggio personale. Sarà capace di dire no alle superfluità odierne? Potrà il nostro eroe dimenticare le curve femminili? Saprà difendersi dalla fame, dall’autocoscienza e dalla sete? E se avesse a che fare con la sua propria ombra? Potrà vincere un duello contro se stesso?

Se volete sapere le risposte a queste e a tante altre domande su Nick e su noi stessi non potete perdervi questo gioiello di edizioni La Cúpula che il nostro caro Max ci offre. Alla fine, forse, non ci sarà bisogno di fare le valigie e partire verso il deserto.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.

Si continuas utilizando este sitio aceptas el uso de cookies. más información

Los ajustes de cookies de esta web están configurados para "permitir cookies" y así ofrecerte la mejor experiencia de navegación posible. Si sigues utilizando esta web sin cambiar tus ajustes de cookies o haces clic en "Aceptar" estarás dando tu consentimiento a esto.

Cerrar