The last exorcism

L’esorcismo fa sempre paura

A questo punto della storia non ci è possibile affermare che l’uso della videocamera amatoriale portata a mano sia un qualcosa di originale e attraente. La moda di usare questo tipo di inquadrature per creare le atmosfere giuste e farci pensare che ciò che vediamo sia tutto reale è, per ora, stata sorpassata.

Ormai non ci caschiamo più. Ecco, con The Last Exorcism ci provano di nuovo e, questa volta, per mia piacevole sorpresa, ci riescono (o quasi).

The Blair Witch Project è sicuramente la pioniera in questo campo, il film ebbe un successo di critica e pubblico ed è ormai considerato un film di culto. Riguardandolo poco tempo fa, sinceramente, non mi ha smosso più di tanto; è originale e unico ma la sua missione di farci paura (quella con la P) è rimasta un pò sfasata.

exorcism

Tra i massimi esponenti di questa tecnica c’è sicuramente la catalana [Rec], una geniale pellicola dove l’uso della videocamera in mano è del tutto giustificata. Guardare quel film ancora mi provoca sensazioni pari alle montagne russe. Nel ricordo non resteranno film come Cloverfield o la ridicola The devil inside.

In questo film del 2010, dal regista Daniel Stamm, ci vengono narrate le vicende del Reverendo Cotton; in effetti, il film è un falso documentario sugli esorcismi di questo simpatico predicatore americano (impressionante l’interpretazione di Patrick Fabian) che non crede ne alla religione ne agli esorcismi che lui stesso pratica.

Con questo ‘documentario’, tra le sue intenzioni, quella di far vedere al mondo che è tutta una farsa. Come potete immaginare le cose non andranno per il verso giusto.

La storia non è niente di eccezionale ma il ritmo del film fa la differenza. Inizia come una commedia nera ed acida sulla religione e l’America profonda e lenta ma inesorabile prende forza fino ad accelerare nei momenti finali.

Essere solo a casa con le luci spente avrà sicuramente aiutato ma pur sempre rimane un piccolo grande film horror.

Da rivedere i topici del film di genere (perché sono sempre giovani donne le povere malcapitate? O perché vengono obbligate dal diavoletto in questione a fare numeri da Cirque du Soleil?) e le solite stupide decisioni che nessuno prenderebbe in certe situazioni. Io ho avuto paura, lo devo confessare.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *